Renzi mente due volte

Questa mattina Il Fatto Quotidiano ha pubblicato alcune intercettazioni tra Matteo Renzi e suo padre Tiziano relative allo scandalo Consip, il più grande appalto europeo.
Ecco il passaggio del quotidiano:

Il 2 marzo 2017 strapazza babbo Tiziano, che l’indomani sarà sentito dai pm come indagato per traffico di influenze, dandogli del bugiardo (“non voglio essere preso in giro… non puoi dire bugie o ‘non mi ricordo’… non è un gioco”); lo accusa di mentire sui suoi rapporti con l’ad di Consip Marroni (“devi ricordarti tutti gli incontri e i luoghi, non è più la questione della Madonnina e del giro di merda di Firenze per Medjugorje”) e sull’incontro sempre negato con l’imprenditore Romeo (“non ti credo.. non è credibile che non ricordi di aver incontrato uno come Romeo… devi dire se hai incontrato Romeo una o più volte e riferire tutto quello che vi siete detti”); lo rimprovera di non aver detto la verità a Lotti, evidentemente al corrente – come lo stesso Renzi – delle indagini (“”); lo istruisce su cosa dire e non dire ai pm (“non dire che c’era mamma altrimenti interrogano anche lei”).

Poco minuti dopo la pubblicazione delle intercettazioni Renzi, con uno dei suoi classici post in stile Renzi&Boschi tutti cuore e scout, ha replicato sostenendo che quelle intercettazioni gli facciano addirittura un piacere politico, gli diano onore, perché dimostrano la sua ricerca della verità, persino contro suo padre.
Balle balle balle. Sempre e solo balle.
Perché chiede a suo padre di “non dire che c’era mamma o interrogano anche lei”?
Perché afferma “in passato la verità non l’hai detta a Luca e non farmi aggiungere altro…”?

Caro Renzi, qualche beota può ancora crederti ma non siamo tutti pecoroni, questa telefonata è ben più di uno scontro etico con tuo padre, è una precisa indicazione sul come agire per evitare ulteriori problemi. Su una cosa hai ragione però, il tempo paga sempre e prima o poi sapremo tutta la verità su te ma, soprattutto, sul sistema del “Giglio magico”.
È solo questione di tempo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *