Futuro e partecipazione

Una delle ultime volte che incontrai Gianroberto Casaleggio parlammo del superamento della democrazia rappresentativa per andare verso quella partecipativa. Ne parlammo a lungo mentre buttavamo giù idee per rendere più fruibile la nostra piattaforma Rousseau, di cui sono responsabile nazionale per la parte LEX Portavoce.
Ci lasciammo con tantissime cose da fare ma, soprattutto, tantissime idee per il futuro.
Gianroberto studiava costantemente il futuro ed era interessato alla capacità di immaginare scenari, anticipare nuove tendenze e modellare realtà future. Cioè a quel campo che viene descritto come “Futurologia” e che lo ha sempre attratto.
Amava questa frase di Alan Kay: “Il miglior modo per prevedere il futuro è inventarlo”, e credo che in Rousseau vedesse proprio parte di questo. L’idea di far scrivere ai cittadini il programma che un eventuale governo del MoVimento 5 Stelle avrebbe dovuto rispettare lo proiettava anni luce avanti alla triste realtà politica italiana.
Io oggi non potrò essere al Sum #01 di Ivrea perché, con grande orgoglio e passione, concluderò con le quattro tappe finali l’#ObiettivoEsteriTour. Un tour pensato per presentare il nostro programma elettorale di politica estera in tutta Italia.
Non ci sarò, ma starò onorando Gianroberto concretizzando quelle idee di cui parlammo insieme, portando i cittadini italiani direttamente dentro il processo politico decisionale.
Cittadini informati che si fanno Stato.
Il futuro, quello che si celebra oggi a Ivrea, passa da tutti noi.
Ecco le tappe del #ObiettivoEsteriTour per questo ultimo fine settimana, ognuna di esse sarà trasmessa in streaming su questa mia pagina Facebook. Passate parola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *