Chi sono

Nasco il 16 maggio 1981 da madre insegnante e padre direttore d’azienda a Palermo città che, per tanti versi, è stata un’ottima palestra di vita avendola vissuta in un periodo di fermento sociale importante come i primi anni 90’ in seguito alle stragi di mafia.
Dall’età di quattro anni ho sempre praticato sport dal nuoto al judo alla pallacanestro, esperienze queste che per mia forma mentis reputo assolutamente necessarie e formative.

Da sempre interessato alla tecnologia ho frequentato il Liceo Scientifico e mi sono laureato in Ingegneria Informatica nel 2006.
Nello stesso anno mi sono trasferito a Milano dove è iniziata la mia esperienza professionale come consulente informatico che mantengo ad oggi e che mi ha permesso di relazionarmi con realtà lavorative di tutto il mondo e di capire i sottilissimi schemi che governano il lavoro di gruppo.
Ho seguito, per esigenze lavorative, tutti gli ambiti di svariati progetti acquisendo delle best practices certamente rivendibili anche in politica.
Sono un appassionato di lingue straniere e parlo inglese fluentemente e spagnolo intermedio, sto attualmente frequentando un corso di francese.

Mi reputo un “attivista nonostante tutto” perché seppur spesso impossibilitato fisicamente dal lavoro e dagli impegni trovo sempre una strada per esserlo, anche solo diffondendo informazione.
Dal 2009 collaboro con AMKA onlus (www.amka.org) in progetti di sviluppo sostenibile per il sud del mondo, nell’estate del 2010 ho preso parte ad un viaggio di volontariato in Guatemala e nel 2012 in Repubblica Democratica del Congo. Esperienze, queste, alle quali devo tantissimo.
Mi sono sempre interessato alla politica e al sociale ma mi sono davvero avvicinato all’attivismo alla nascita del blog beppegrillo.it perché, disilluso, cercavo risposte al dramma sociale cui assistevo giornalmente.
Ho iniziato quindi partecipando ai V-Day e ad iniziative locali per la tutela dei diritti dei cittadini.
Ero presente al Teatro Smeraldo nel 2009 alla nascita del M5S e da allora ho collaborato dapprima con il MU1 al progetto Gruppi di Quartiere e poi con la Lista Civica M5S per le Regionali della Lombardia del 2010.

Nel 2011 mi sono proposto come candidato sindaco al consiglio comunale di Milano con la stessa lista, esperienza che reputo tuttora strepitosa per lo spirito che l’ha animata, la passione che mi ha circondato e la presenza di un gruppo formidabile che tuttora aiuta indefessamente Mattia, il nostro consigliere comunale a Milano, a svolgere quotidianamente il suo lavoro in aula.
Il mio sogno è una democrazia partecipata che veda nei referenti del M5S dentro il Parlamento (e non solo) un canale su cui confluire e, chissà, magari un giorno saremo stati così bravi da non essere più necessari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *