After Trump’s Iran decision: what for Europe and Italy?

Oggi ho avuto il piacere di ospitare alla Camera dei Deputati una delegazione iraniana dell’Institute for Political and International Studies, guidata dal Presidente Prof. Seyed Mohammd Kazem Sajjadpour. Con loro e grazie al prezioso contributo dell’Istituto Affari Internazionali e dell’European Council for Foreign Relations, siamo andati nel dettaglio dell’accordo nucleare negoziato nel 2015 con l’Iran dal quale gli USA sono usciti illegittimamente, dato che non prevedeva la clausola rescissoria.
Il MoVimento 5 Stelle è fermamente convinto che l’accordo vada mantenuto per una serie di motivi strategici e lungimiranti e siamo felici che, quantomeno a parole, l’Europa si sia mostrata ad oggi coesa nella stessa direzione.
Mantenere l’accordo significa, infatti, avere garanzia che il programma nucleare iraniano non possa mai orientarsi verso l’uso militare.
Cancellarlo sarebbe grave per diversi motivi, uno su tutti la credibilità dell’Unione Europea e in generale delle regole che determinano l’interazione tra Stati.
Che credibilità potremmo avere un domani se l’intera UE recedesse un accordo perché gli Stati Uniti lo chiedono? Che credibilità avremmo, specialmente, dinanzi l’evidenza che l’Iran lo stia rispettando pedissequamente?
Giungeremmo a una drammatica crisi internazionale che porterebbe complicazioni severe come la corsa all’arma atomica di alcuni Paesi mediorientali e, non essendo più credibile il sistema sanzionatorio, una reazione militare dei Paesi occidentali sarebbe imminente.
Tutto questo va assolutamente scongiurato.
L’Europa deve fare blocco comune nell’opporsi alla minaccia statunitense di sanzioni secondarie alle imprese europee che continueranno a lavorare in Iran. Cedere al ricatto significherebbe fallire ancora una volta.
L’Iran è stato da sempre un partner strategico per l’Italia che nel 2011 vantava un interscambio economico da 11 miliardi annui.
Questo livello di interazione deve essere il nostro obiettivo per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *